I forti progressi nelle tecniche di apprendimento automatico per ciò che concerne i software e in generale i computer potrebbero portare un giorno alla creazione di intelligenze artificiali che potrebbero aiutare a risolvere i principali problemi della nostra società e in generale del mondo, come quelli climatici e quelli relativi alla fame nel mondo.
Secondo Eric Schmidt, presidente esecutivo di Alphabet (ex Google), le intelligenze artificiali potrebbero aiutare gli esseri umani a risolvere quelle grandi sfide per ora troppo complesse. Schmidt ha parlato di queste eventualità nel corso di un evento tenutosi a New York questa settimana.

All’interno della stessa Google, tra l’altro, esiste la divisione denominata Deepmind, all’interno della quale lavorano diversi analisti e scienziati impegnati nell’obiettivo di raggiungere il miglior grado possibile nel campo del machine learning, sia dell’apprendimento automatico da parte delle intelligenze artificiali. L’obiettivo, sempre secondo gli scienziati, è quello di rendere il mondo un posto migliore.
Anche Mike Schroepfer, chief technology officer di Facebook, ha dichiarato che il potere delle intelligenze artificiali del futuro potrà risolvere problemi anche a grande scala in tutto il mondo.
Tali progressi tecnologici cambieranno addirittura il modo con il quale i computer vengono utilizzati in moltissimi settori. Al momento, però, le macchine sono ancora lontane dai livelli di intelligenza umani e ulteriori importanti scoperte a livello informatico dovranno ancora avvenire prima che questo divario possa accorciarsi sensibilmente.
L’evento è stato organizzato dall’Università di New York ed ha visto la partecipazione di alcuni leader delle principali industrie tecnologiche e informatiche del mondo.

Approfondimenti