Le autorità di Filadelfia hanno rivelato che un uomo anziano, con un’età di oltre settant’anni, a seguito di una perquisizione di alcuni funzionari locali, ha perso la propria sovvenzione pubblica riguardante l’usufrutto dell’abitazione perché è stata scoperta una prostituta nascosta sotto il letto della sua casa.

L’uomo, considerato dai vicini ma anche dagli stessi funzionari una persona gentile, un vero e proprio gentleman, viene accusato, tra l’altro, di pagare le prostitute utilizzando i profitti guadagnati attraverso un traffico di superalcolici che aveva messo in piedi nel quartiere.
La perquisizione è avvenuta nell’ambito di una serie di controlli nei pressi di abitazioni private per le estensioni contrattuali riguardanti soggetti aventi diritto a sovvenzioni statali per la casa.

Probabilmente, avendo adocchiato i funzionari all’ingresso, l’uomo non ha avuto il tempo di far uscire la prostituta e ha pensato bene di farla nascondere sotto al letto ma, in un modo o in un altro, i commissari sono riusciti a stanarla evidenziando anche altri piccoli scabrosi particolari riguardanti la condotta di vita dell’uomo. Quest’ultimo ha così perso il sussidio statale e dovrà ora reinventarsi nuovi modi per guadagnare e far fronte ad una nuova spesa relativa all’affitto della sua abitazione.

Approfondimenti