La Food and Drug Administration statunitense ha approvato un dispositivo, denominato BrainPort V100, chi fornirebbe input sensoriali ai ciechi tramite elettrodi sulla lingua.
Il kit è composto da un paio di occhiali con una telecamera integrata e da un dispositivo che invia gli impulsi elettrici agli elettrodi. Questi ultimi sono impiantati nella bocca in modo che gli input arrivino direttamente sulla punta della lingua.

La fotocamera rileva gli oggetti davanti a sé e poi invia i segnali al dispositivo completamente intraorale e composto da una scheda di elettrodi sulla superficie. La sensazione di formicolio riuscirebbe a far mappare all’utente le immagini che la telecamera ha ripreso dando un’idea al non vedente di ciò che si trova di fronte a lui.
Disponendo di 400 punti di stimolazione elettrica diversi, l’utente può col tempo imparare a capire cosa si trova di fronte a lui in base alla mappatura delle stesse stimolazioni.
Il sistema potrebbe essere un’ottima soluzione per comprendere le forme e può essere utilizzato in aggiunta ai dispositivi per i non vedenti già esistenti.
Il dispositivo è stato prodotto dalla Wicab, azienda con sede in Wisconsin, in collaborazione con Google e il Dipartimento della Difesa statunitense.

Attualmente il dispositivo è dotato di un cavo che collega gli elettrodi agli occhiali ma molto probabilmente i produttori stanno escogitando un modo per rendere il tutto wireless.
Secondo William Maisel, vicedirettore presso la US Food and Drug Administration, “le innovazioni di dispositivi medici come questo hanno il potenziale per aiutare milioni di persone. È importante che continuiamo nel progresso tecnologico dei dispositivi per aiutare gli americani non vedenti a vivere una vita migliore, più indipendente.”

Video

Approfondimenti