Milwaukee. Si risveglia da una morte apparente poco prima di essere trasportato all’obitorio. È quello che è successo la sera del 19 maggio quando una pattuglia della polizia è stata chiamata per un controllo di routine nei pressi di un appartamento. Dopo essere entrati in casa, gli agenti trovano un uomo disteso per terra che non si muove ed è pallido in volto.
Il corpo steso per terra è quello di Thomas Sandcomb, un quarantaseienne la cui compagna, preoccupata, aveva chiamato la polizia proprio perché non riusciva a contattarlo da un paio di giorni.

A seguito di un rapporto, poi completamente depennato, del Milwaukee County Medical Examiner, l’uomo veniva dichiarato morto. A quel punto entravano in scena gli addetti dell’obitorio dell’ospedale locale che si recavano nell’appartamento per trasportare il corpo. Ma proprio mentre gli addetti dell’obitorio si trovavano sulla scena, l’uomo cominciava ad emettere respiri, a muovere il braccio sinistro e la gamba destra mostrando il ritorno di una frequenza cardiaca.
Stupefatti gli addetti lo trasportavano all’ospedale dove poi è stato ricoverato.

Il fratello dell’uomo miracolato afferma che sta migliorando di giorno in giorno. Secondo gli esperti, esistono casi documentati di particolari condizioni fisiche che possono rallentare il metabolismo al punto tale che i segni vitali, ossia quelli utilizzati per determinare la morte di una persona, possono non essere rilevabili. Tra di essi vi sono quelli relativi al rigor mortis.
Nel frattempo un’indagine interna è in corso e maggiori chiarimenti saranno resi pubblici fra qualche giorno.

Approfondimenti