Un gruppo di ricercatori della University of Wisconsin-Madison ha pubblicato un nuovo studio in cui presenta corde vocale create in laboratorio. Le corde vocali sarebbero inoltre in grado di produrre suoni che potrebbero un giorno aiutare tutte quelle persone che soffrono di patologie vocali o lesioni, molto spesso causate da laringiti o comunque da virus.
La voce dipende da una serie di complessi pezzi di tessuto che devono al contempo risultare morbidi e sufficientemente flessibili per vibrare non appena un poco d’aria si muove su di essi. Il tutto per produrre un suono e quindi poter parlare.

Secondo il dottor Nathan Welham, uno degli attori principali della ricerca, questo studio potrebbe un giorno aiutare nel trattamento di alcuni dei più gravi problemi riguardanti le emissioni vocali che gli esseri umani abbiano mai affrontato.
La ricerca è iniziata a seguito di alcune rare donazioni di corde vocali da parte di quattro pazienti che avevano dovuto subire un intervento chirurgico tramite il quale esse erano state asportate.
I ricercatori hanno poi fatto crescere in laboratorio due particolari tipi di cellule che compongono la maggior parte del tessuto delle corde vocali umani.

Tramite una serie di impalcature in tre dimensioni messe insieme grazie al collagene, in 14 giorni il tessuto cominciato ad avere una forma e una elasticità tipiche delle corde vocali umane, con le stesse qualità chimiche.
Per testarne il suono, gli scienziati hanno poi preso una laringe rimossa da un cane e l’hanno attaccata ad una trachea di plastica che simulava il respiro. Gli scienziati hanno dunque potuto testare le corde vocali cresciute in laboratorio e si sono resi conto che il tessuto vibrava in maniera corretta ed emetteva un rumore simile ad un ronzio (il rumore non risultava simile ad una voce umana in quanto in questa struttura creata in un laboratorio mancavano ancora alcune parti considerate essenziali per rendere un semplice rumore simile ad una voce umana, come le strutture di risonanza della bocca, della gola e del naso).

Approfondimenti