Alcuni ricercatori del Georgia Institute of Technology hanno dichiarato di aver messo a punto un programma informatico in grado di ricreare, senza input esterni, livelli del videogioco Super Mario Bros semplicemente analizzando video in streaming da Internet, tramite servizi quali YouTube o Twitch.
Secondo gli sviluppatori, il sistema informatico si concentrerebbe sul terreno e sullo sfondo di gioco, non sul personaggio che il videogiocatore deve muovere sullo schermo, e posiziona vari elementi nei livelli come tubi, blocchi, piattaforme, monete determinandone il giusto rapporto.
Ad esempio, i tubi del videogioco Mario Bros di solito sono posti in verticale attaccati a terra. Il sistema informatico è capace di apprendere questo, tramite le immagini analizzate dai video, e li posiziona sempre attaccati al terreno più o meno nella stessa maniera.

“Una prima valutazione del nostro approccio indica una capacità di produrre sezioni di livelli che sono sia giocabili sia vicini a quello originale senza alcun criterio di codifica manuale a livello di progettazione”, ha dichiarato il ricercatore Matthew Guzdial, impegnato nella progetto.
Una delle chiavi del sistema informatico è stata quella di osservare i giocatori in azione per valutare quanto tempo spendono in una determinata zona del livello piuttosto che in un’altra. Dopo aver registrato questo dato, e molti altri fattori, il sistema realizza quali sono le aree ad alta interazione e utilizza queste informazioni per progettare i livelli. Il sistema sarebbe in grado di progettare un intero livello, elemento per elemento, nuovo rispetto all’originale ma perfettamente giocabile.

Come dichiarato dagli stessi scienziati, i livelli sembrano infatti perfettamente giocabili e attraversabili dal giocatore ma al contempo sono originali e non sono mai stati visti prima.
Si tratta della prima volta in cui, tramite un algoritmo informatico, possono essere realizzati e progettati livelli di un videogioco senza input manuali relativi all’immissione dei vari elementi singoli nel piano di gioco.

Approfondimenti