By Murat Hasanreisoglu and Rahamim Avisar [CC BY 2.0], via Wikimedia Commons.

Tramite un annuncio stampa, un team di scienziati cinesi ha presentato una nuova tipologia di cornea bioingegnerizzata a che dovrebbe aiutare le persone non vedenti ad acquistare di nuovo il senso della vista.
Sviluppata da due aziende tecnologiche in collaborazione con la Quarta università medica militare, il prodotto dovrebbe essere il risultato di decenni di ricerca nel campo.
La cornea artificiale, priva di cellule, è riempita di collagene naturale e risulterebbe perfettamente biocompatibile e sicura per il corpo umano. I tassi di rigetto sarebbero infatti davvero molto bassi.

Secondo Jin Yan, a capo del Tissue Engineering R & D Center, la cornea “si può integrare rapidamente con il tessuto circostante e fa in modo che le proprie cellule vengano ricostruite. Il trapianto di cornea diventerà gradualmente invisibile, quindi, facendo recuperare la vista alla paziente”.
Il prodotto potrebbe rappresentare dunque un passo significativo per tutta la Cina nel campo dell’ingegneria biomedica e, in generale, in quella di tessuti e della medicina rigenerativa.

I precedenti tentativi di creazione di cornee artificiali, realizzate con materiali quali il vetro e il gel di silice, non hanno mai avuto i risultati sperati perché nella quasi totalità dei casi questi materiali sintetici venivano respinti e rigettati dal corpo. Nel caso della cornea artificiale cinese, invece, si è registrato un tasso di successo di 94,44%. Un tasso, questo, simile a quello che si osserva nei trapianti di cornea prelevata da occhi umani.

Approfondimenti