Il casco che si può vedere nelle foto di seguito è prodotto da un’azienda giapponese, la Nawa Kosan. È un casco da lavoro che esternamente risulta essere tradizionale, ossia molto simile ai tanti caschi da lavoro che si possono osservare nelle fabbriche, nei cantieri e nei posti da lavoro dove vige la regola di dover indossare un copricapo protettivo. Tuttavia l’oggetto, oltre a compiere il suo dovere in termini di protezione per il cranio e la testa, possiede una particolare caratteristica che farà felici tutti coloro che soffrono il calore, e, in generale, l’afa e il caldo.

Il piccolo elmetto vanta infatti un piccolo ventilatore incorporato che, secondo i produttori, ridurrebbe la temperatura intorno alla testa di circa il 30%. Un casco protettivo del genere risulterebbe davvero utile in quegli ambienti di lavoro in cui la temperatura è di solito molto alta, come per esempio in fabbriche nel campo della metallurgia o in cantieri per l’asfaltatura delle strade.
Immaginate, ad esempio, un operaio che sta lavorando all’asfaltatura di una strada sotto un sole rovente e con quasi 40° di temperatura ambientale. A contatto ravvicinato con la pece bollente, la temperatura corporea si alzerà ancora di più e a soffrire maggiormente saranno quelle parti del corpo più sensibili, ossia quelle della testa, delle orecchie e della nuca che, tra l’altro, devono essere per forza coperte da un casco.

Un oggetto del genere, semplice ma allo stesso tempo geniale, potrebbe generare un sollievo determinante per affrontare una giornata di lavoro dura ma soprattutto calda. La velocità della ventola e la direzione del gettito possono essere regolate. Il casco dispone di due batterie per far funzionare il piccolo ventilatore interno che riesce a trasmettere intorno alla testa una vera e propria piacevole brezza intorno tutto il capo.
Il prodotto si inserisce in quella serie di gadget atti a rivitalizzare il corpo debilitato dal caldo e dal calore, elementi che rappresentano una vera ossessione per tutto il popolo giapponese che da sempre cerca di contrastare l’afa con oggetti e gadget tra i più strani in assoluto.

Approfondimenti