Cincinnati, Ohio. Un cane ha provocato l’evacuazione del tribunale dopo aver scambiato una bottiglietta di profumo per un ordigno. Secondo uno sceriffo locale, la bottiglietta di profumo, che si trovava all’interno della valigia di una donna, era stata individuata inizialmente dai funzionari all’ingresso attraverso la scansione raggi X.
La bottiglietta aveva subito causato forti timori tra i funzionari perché aveva una forma strana, molto simile alle bombe a mano di tipo ananas. Gli agenti decidevano quindi di non aprire la valigetta per paura che potesse esplodere.

Dopo aver individuato il pseudo ordigno, l’edificio è stato evacuato intorno alle 8:30 di mattina di martedì ed è stato chiuso per il resto della giornata mentre il traffico nella strada antistante è stato deviato. È stato dunque chiamato a verificare la pericolosità del contenuto della valigia un cane antibomba e quest’ultimo, dopo averla annusata attentamente, dava il segnale all’istruttore che il contenuto doveva essere quello relativo ad un innesco e ad una bomba pronta ad esplodere.
A quel punto investigatori decidevano per l’intervento degli addetti al disinnesco con tanto di robot semoventi. Solo a mezzogiorno gli investigatori determinavano con sicurezza che non vi era alcuna minaccia e che la “bomba” non era altro che una bottiglietta di profumo a forma di bomba a mano.

Secondo gli investigatori il cane avrebbe segnalato il pericolo perché la bottiglietta probabilmente conteneva sostanze come perossidi che avrebbero spinto il cane a reagire positivamente.

Approfondimenti