Le Air-Conditioned Cooling Work Shirt sono camicie con ventilatori incorporati che funzionano in modo da creare un continuo ricondizionamento dell’aria all’interno della stessa camicia.
Gli strani indumenti, creati ovviamente in Giappone, dispongono di piccoli ventilatori funzionanti grazie a delle batterie, il tutto incorporato, che ricreano un sistema di ricondizionamento continuo dell’aria che entrerà dalle ventole ed uscirà dal colletto e dalle maniche.

Le camicie, infatti, sono alla base elasticizzate in modo che l’aria fredda che entra grazie al movimento delle ventole non fuoriesca subito dalla base ma circoli all’interno della camicia, fra l’indumento e del corpo, ricreando un gradevole sistema di refrigerazione dell’aria.
Le ventole sarebbero regolabili e le camicie, fatte in poliestere, sono disponibili in varie misure e colori.
La camicia sarebbe capace di smistare circa 20 litri di aria al secondo in modalità forte (due watt di consumo) e circa 12 litri al secondo in modalità debole (0,9 watt di consumo).

Le camicie sono inoltre disponibili in vari modelli, a maniche lunghe o a maniche corte, e tutti in comune il fatto di avere le due ventole alla base della parte posteriore dell’indumento, ossia la parte del fondoschiena.
Sono disponibili anche pantaloni con le ventole disposte sui lati delle gambe.
Un oggetto davvero inusuale per restare freschi d’estate o quando la calura si rivela eccessiva e comincia a far far sudare.

Video

Approfondimenti