Maniglie con rilevatori biometrici dotati di scanner per rilevare le impronte digitali non sono di certo una novità assoluta ma è già da un po’ che questi prodotti stanno cominciando ad essere commercializzati per le masse. Ola è una maniglia senza serrature che può riconoscere le impronte della persona autorizzata ad entrare nella stanza e sbloccare l’apertura solo quando ne rileva l’impronta.
Le tre caratteristiche principali che fanno differire questa maniglia dalle altre dotate di scanner per le impronte digitali sono essenzialmente tre: non ha alcuna serratura per le chiavi in quanto non è stata pensata per questo scopo, non necessita di altri dispositivi (come app per dispositivi mobili) per funzionare ed ha una durata delle batterie, a detta dei produttori, molto più lunga.
I produttori, provenienti da Pechino, hanno presentato il progetto sul sito di crowfounding Kickstarter e hanno predisposto un obiettivo di 125.000 dollari da ottenere entro il 23 luglio 2015.

Il dispositivo interno alla maniglia vanta la connettività Bluetooth 4.0 ed utilizza quello che a detta dei produttori dovrebbe essere uno dei migliori sensori di impronte digitali presenti in commercio, un prodotto di origine svedese, il quale si sblocca, a seguito del riconoscimento dell’impronta digitale, in meno di un secondo.
I produttori tendono a rimarcare che la maniglia, oltre che funzionare senza alcuna serratura che comporti l’utilizzo di chiavi, è del tutto phoneless, ossia funziona senza l’ausilio di applicazioni esterne eseguite da dispositivi mobili, come uno smartphone, come invece accade per molti altri modelli di maniglie che riconoscono l’impronta del pollice.
Con un set di quattro batterie AA, la maniglia è stata testata oltre 31 mila volte, una quantità di aperture che equivarrebbe a due anni di uso normale quotidiano. Tuttavia, in caso le batterie si scaricassero, l’utente non resterà fuori dalla porta in quanto è possibile alimentare la maniglia via USB.



Il sensore che riconoscere l’impronta digitale utilizza un segnale a radiofrequenza per la scansione del modello di composizione dei solchi dell’impronta del dito. Secondo i produttori, questo metodo renderebbe vani tutti i tentativi di falsificare l’impronta digitale tramite copia. Ovviamente è possibile condividere i permessi di apertura con amici e parenti o chiunque si voglia far entrare in casa o nell’ufficio in tutta sicurezza.
Una maniglia che sembra arrivare direttamente dal film di fantascienza Ritorno al futuro – Parte II anche se in quest’ultimo non vi era alcuna maniglia ma solo la placca (“Premi la pacca col pollice!“).

Approfondimenti