000963 Acido ialuronico, cosè e a cosa serve L’acido ialuronico è un polisaccaride idrofilo ad alto peso molecolare, che determina salute e plasticità delle articolazioni. Grazie alle spiccate proprietà viscosizzanti, preserva queste dall’usura, esercitando un’azione riempitiva anche a livello cutaneo.
Tali caratteristiche ne fanno una vera e propria panacea contro numerose problematiche, che vanno dalle rughe d’espressione ai disturbi di deambulazione. L’acido ialuronico è infatti capace di contrastare in modo incisivo l’instabilità delle cartilagini, restituendo un senso di benessere globale.

Sebbene il corpo umano lo produca in modo del tutto naturale, la sua distribuzione diminuisce in modo progressivo col passare degli anni, evento che può richiedere l’assunzione di un integratore. Sul mercato sono numerosi i preparati contenenti acido ialuronico, apparentemente identici tra loro ma dissimili sotto molti aspetti. Alcuni posseggono infatti una percentuale di vitamine e minerali, altri un quantitativo variabile di condroitinsolfato, caratteristiche che nel complesso assolvono a funzioni specifiche. Un esempio è possibile farlo con Acido Ialuronico Plus di Optima (20€ in media), che nella tabella nutrizionale mostra acido l-ascorbico (vitamina C) e rame gluconato. La presenza di questi elementi ne fa un prodotto qualitativamente interessante, idoneo ad un uso regolare e ad ampio spettro. Esso facilita l’allontanamento dei radicali liberi, contrasta il rilassamento cutaneo e migliora le strutture retiniche, assicurando pelle e tendini più tonici.

Un altro valido esempio è rappresentato dall’Inneov Pre-Hyaluron 465, contenente glucosamina (precursore dell’acido ialuronico), manganese (cofattore necessario alla sintesi) ed esperidina (protettore della molecola neo-sintetizzata). In questo caso, pur trattandosi di un validissimo integratore, la sua assunzione provoca un profondo effetto anti-aging, ed è quindi destinato alle pelli mature marcate dai segni del tempo. Appare logico, dunque, che la selezione di un prodotto va eseguita con raziocinio, confrontandosi con l’esperto farmacista e stabilendo i propri obbiettivi.

Nel campo dei disturbi deambulatori, ad esempio, è spesso necessario il contemporaneo utilizzo di Condral, o comunque di farmaci condroprotettori. Tra i prodotti utilizzati da chi soffre di artrite, spicca sicuramente Arthro-5 (tra i 30 ed i 40€), la cui formulazione assicura la protezione globale di pelle e cartilagini. Al suo interno figurano infatti elevate concentrazioni di condroitinsolfato, glucosamina, acido ialuronico, metilsulfonilmetano ed estratti vegetali, una miscela di rapido assorbimento, efficace nel mantenimento delle funzionalità articolari.

È bene ricordare che un acquisto non va effettuato tenendo in considerazione il solo numero di principi attivi, ma anche le finalità e la compatibilità con il proprio stato di salute. Gli individui affetti da diabete mellito di tipo 2, ad esempio, assumendo glucosamina incorrono in pericolose alterazioni del tasso glicemico.
Anche i soggetti affetti da glaucoma, disfunzioni renali e disturbi dell’apparato gastrointestinale devono prestare la massima attenzione a tali preparati, valutandoli uno ad uno assieme al proprio medico curante. Tutti questi integratori, commercializzati sotto forma di compresse, capsule e sciroppi, vanno assunti in genere una o due volte al giorno.
Naturalmente prima di intraprendere una qualsiasi terapia, anche di breve o di media durata, è sempre meglio chiedere il consiglio al proprio medico.


Cerca “acido ialuronico” su Amazon ►